5 cose da sapere prima di fare un sito web

Like Don't move Unlike
 
1

I siti web sono ormai da diverso tempo una prerogativa a cui le aziende non possono più rinunciare. I pionieri si sono messi comodi, i ritardatari corrono ai ripari.

È ormai diventato indispensabile esserci, ed è indispensabile che tu riesca ad essere te stesso. Quindi, quali sono le linee guida da seguire per creare un sito web definibile come efficace?

1 - Pragmatismo

Parti da una semplice ma fondamentale domanda: perché devo esserci?

Aver ben chiaro cosa ti aspetti da un sito web è fondamentale per capire poi come costruirlo. Sono le fondamenta della tua casa, ciò che ti permetterà di stare in piedi ed essere forte.

Non ci sono obiettivi giusti o sbagliati, l’importante è che sia subito chiaro quali siano e come si ha intenzione di misurarli.

2 - In principio era il Brand

Prima di iniziare a pensare, disegnare, strutturare un sito web dev’essere chiaro, coerente e ben definito il tuo Brand. Senza di quello, non si andrà molto lontano, e il tuo sito web potrebbe diventare un semplice contenitore di materiali insipidi.

Quindi, first of all: lo sai chi sei? Lo sai qual è il tuo Brand? Lo sai quali sono i tuoi valori? E i tuoi utenti, li conosci? Rispondi bene a tutte queste domande prima di iniziare, è per il tuo bene! 🙂

3 - Less is more

“Scrivi questo”, “scrivi anche questo”, “ah, ci siamo dimenticati di questo… bisogna scriverlo”.

Siti con lunghissime e istituzionali sezioni "chi siamo", descrizioni, Mission, Vision, pappardelle infinite… mi dispiace dirvelo ma, nel 2017, quelle cose non le legge più nessuno.

Sappiamo che hai tanto da dire, e che tutto ciò che hai da dire probabilmente ha un valore, ma cambia il COME (non il COSA): dillo con una frase. Dillo con un’immagine. Racconta una storia, non tecnicismi. Trasmetti emozioni, non prodotti.

Di prodotti come il tuo è pieno il web, ma delle emozioni che pensi di poter trasmettere? 😉

4 - Think alternative

Siamo giunti nell’epoca in cui, sul web, praticamente tutto (o quasi) è possibile, quindi… perché porsi limiti quando si possono creare esperienze uniche?

Tutti i siti sono strutturati, impostati e impaginati nella stessa maniera (il che può essere anche positivo, se pensiamo al fatto che questa struttura è ormai diventata dogmatica e quindi di facile interpretazione per l’utente), ma perché cadere nel banale quando si può spaziare con la fantasia?

Siti che vanno al contrario, siti che cambiano in relazione alle stagioni, siti interattivi… si può fare veramente tutto quindi… think outside the box, ci sono persone in grado di dare forma alle idee più disparate!

5 - Dal prodotto al valore

Diventa difficile accettarlo ma, sul web (e in generale in quest’era del marketing), il prodotto non conta più. O meglio, certo che dev’esserci, ma dev’essere un pre-requisito.

Oggi, più che di prodotto, bisogna parlare e pensare al valore. All'utente finale poco interessa sapere le specifiche, lui vuole sapere cosa potrebbe diventare insieme a te quindi... faglielo vedere ed evita troppi tecnicismi.

 

Questi sono solo i punti di partenza, la creazione di una Digital Brand Experience unica e riconoscibile richiede dedizione, tempo, passione e creatività.

Essere presenti è un dovere, farlo alla grande è una scelta!

the author

Vanessa Pisati

È nata a metà degli anni Novanta. Sì, avete capito bene. Ma se avete qualche dubbio lo ripetiamo scrivendo l’anno in cifre: Vanessa è nata a metà degli anni ’90, esattamente a metà, nel 1995. È una degna rappresentante della cosiddetta Generazione Y, dei Millennials: vuole costantemente sperimentare, approfondire, vivere nuove esperienze e condividerle sul Web. Ha studiato Marketing per l’internazionalizzazione delle imprese in ITS Machina Lonati. È perennemente in viaggio per la Rete sui social e sui blog - soprattutto sui canali gestiti da Branditylab - alla ricerca del post perfetto. Se le alzate l’asticella di un centimetro, lei la supererà di due.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *